La Pantone, celebre multinazionale statunitense nel settore della grafica e della catalogazione dei colori, ha eletto il Classic Blu come “Colore dell’anno 2020”.

“Viviamo in un’epoca che richiede fiducia e speranza. PANTONE 19-4052 Classic Blu è una stabile tonalità di blu sulla quale possiamo sempre fare affidamento, trasmette proprio questa sensazione di costanza e fiducia. Dotato di profonda risonanza, esso costituisce una solida base a cui ancorarsi. Blu sconfinato che rievoca il vasto ed infinito cielo serale, ci incoraggia ad andare al di là dell’ovvio per pensare più in profondità e fuori dagli schemi.”  

 

Con queste parole l’azienda ha motivato la sua scelta nel dare tale riconoscimento al colore in questione. Ma la psicologia dei colori nasce ben prima della Pantone e fra i suoi massimi esponenti vi è sicuramente il prof. Max Lüscher, psicologo e psicoterapeuta svizzero, che con i suoi studi è riuscito a creare una solida teoria per mezzo della quale dare un preciso significato simbolico ai colori. Nel corso degli anni il professor Lüscher è diventato celebre per aver inventato il test di personalità che porta il suo nome (Lüscher Color Test). Presentato per la prima volta nel 1947 al Congresso Internazionale di Psicologia di Losanna, ad oggi il Test dei Colori di Lüscher è uno degli strumenti più efficienti in ambito clinico per fotografare lo stato interno della persona individuando non solo le cause delle difficoltà attuali, ma anche le potenziali capacità di realizzazione personale.

Per ritornare al colore blu scuro della Pantone, che da adesso in avanti chiameremo “blu-Lüscher”, per l’omonimo scopritore del suo significato psicologico si tratta di uno dei quattro colori fondamentali della psiche umana. Il suo significato psicosomatico richiama alla calma, alla sedazione e alla tranquillità. Il blu simboleggia quindi l’equilibrio, il rilassamento e la calma interiore. Non è un caso che di fronte all’esposizione al blu-Lüscher il Sistema Nervoso Autonomo reagisce facendo diminuire la pressione sanguigna, il battito cardiaco e il respiro si regolarizzano maggiormente ponendo l’organismo in un generale stato di quiete e calma. Il contatto con il blu porta a ricreare quindi quelle condizioni di riequilibrio e tranquillità non solo emotiva, ma anche corporea.

Il “blu-Lüscher” così come ciascuno dei rimanenti tre colori fondamentali, è una rappresentazione simbolica di un bisogno psicologico di base. Infatti simboleggia la dedizione, la ricerca di senso di appartenenza, il bisogno di appagamento affettivo. Per questo motivo Lüscher paragona l’esposizione al blu come un metaforico abbraccio amorevole che una madre dona al proprio neonato.

Per descrivere il colore blu scuro Lüscher utilizzava la parola gemüt la quale non ha una corrispettiva italiana, ma che può essere tradotta con “indole affettiva” o “sensibilità per i valori dei sentimenti”. Inoltre per rendere più concreto il significato psicologico del blu, era solito citare i versi di una delle più note poesie di Goethe:

Su ogni vetta è pace,
sulla cima degli alberi
quasi non v’è alito;
gli uccelli tacciono nel bosco.
Presto verrà anche per te la pace

Gli studi del professor Lüscher nel corso degli anni, oltre al campo clinico, sono stati applicati (come la Pantone certamente saprà) anche nell’ambito del marketing. Non a caso quando era in vita lo stesso Lüscher collaborò con importanti multinazionali per applicare le sue conoscenze sul significato psicologico dei colori ai prodotti da commercializzare. Ad esempio nella scelta del colore del suo tradizionale packaging la Barilla, si avvalse della scelta del colore blu-Lüscher proprio per il suo richiamo alla calma e alla sicurezza di un ambiente sicuro e protetto…non a caso per molti anni a tale colore fu abbinato lo slogan “dove c’è Barilla c’è casa”

 


FONTI

Del Longo N. (2013), Il test dei colori di Lüscher manuale di diagnostica per l’età adulta, Franco Angeli, Milano

Marco Masi

Marco Masi

Sono Marco Masi Mi sono laureato in Psicologia Clinica all’Alma Mater Studiorum Università di Bologna presso la Facoltà di Psicologia della sede di Cesena (FC). Come PSICOLOGO CLINICO mi rivolgo alla prevenzione delle situazioni di disagio e alla promozione del benessere psicologico e sociale, in particolare all’identificazione e al trattamento delle problematiche affettive, relazionali e comportamentali che si presentano in situazioni di disagio emotivo.

Leave a Reply